Il GDS crede che il grande sogno di un mondo ed una società nuovi (che tanti chiamano Utopia) sia concretamente realizzabile, ma anche che sia realizzabile solo partendo dal basso, condividendo la povertà e la sofferenza, ma anche la forza e la speranza, dei tanti poveri del mondo, per costruire con essi i piccoli passi che portano ad un nuovo futuro.


Il Granello di Senape è un’organizzazione di volontariato che ha come obiettivo
l’aiuto ai paesi poveri del sud del mondo, mediante la crescita sociale dei popoli all’interno della propria cultura e delle proprie tradizioni. Gli aderenti all’organizzazione sono persone di ogni appartenenza sociale e di varie regioni d’Italia, che hanno unito le proprie forze in nome di una solidarietà concreta e non delegata: per questo curano personalmente la destinazione e l’uso delle risorse e dei fondi impiegati, pagando da sé le spese necessarie alla loro opera di volontariato. In tal modo, quasi tutto il denaro raccolto è destinato alle iniziative di solidarietà (esattamente l’85%), il resto all’organizzazione associativa che di fatto permette di realizzarle. L’aiuto viene prestato sotto forma di finanziamento per iniziative e progetti che permettano agli interessati di guadagnarsi da vivere con il proprio lavoro, consentendo alla popolazione ed alla nazione di appartenenza di sottrarsi alla schiavitù della fame, del lavoro nero, dello sfruttamento. Se un momento significativo di espressione della solidarietà è rappresentato dall’emergenza, come avviene in famiglia quando qualcuno si ammala o si trova alle prese con un problema improvviso e gli altri si mobilitano, i settori privilegiati sono quelli dell’educazione, del lavoro e della salute: anche qui l’aiuto nello stile del Granello di Senape privilegia gli ultimi tra gli ultimi e, soprattutto, viene effettuato privilegiando il rapporto personale con coloro che soffrono, per parteciparne le gioie e le sofferenze, le tensioni e le attese, ma soprattutto per renderli protagonisti della soluzione dei problemi.
Con questo spirito, che è quello vissuto dalla “persona storica” e reale che si chiamava Gesù, fortemente “vivo” nell’esperienza dei fondatori dell’Associazione (presenza che non impedisce anzi favorisce l’apertura a persone di qualunque ideologia e credo), si sono realizzati e si realizzano progetti che danno delle risposte concrete alle esigenze dei loro “destinatari/coautori”, cose piccole, modeste, come il seme di senape, ma che possono significare la vita stessa: costruzione e gestione di scuole di vario grado in vari villaggi dell’Africa, costruzione di piccoli ma indispensabili ambulatori medici, costituzione di piccole cooperative agricole e di piccoli allevamenti che si auto sostengono economicamente e sono spesso in grado di sostenere altri progetti delle comunità in cui sono inserite.

Aspettiamo il tuo aiuto e la tua adesione!!